martedì 16 maggio 2017

A gambe incrociate

 

LUCIANO ERBA

NEL BOSCO

E tu pensavi che come a un saggio orientale
ti bastasse stare addossato a gambe incrociate
alle radici sporgenti di un faggio
per allontanare il pensiero di lei
e diventare l'azzurro tra i rami
o magari formica corteccia filo d'erba

sono passati tre lenti fiocchi di nuvole
e sei ancora tu

ami, ma ami senza:
migliore esperienza?

(da L'ippopotamo, Einaudi, 1989)

.

Luciano Erba (1922-2010) prova a condurre la sua indagine tra le pieghe del reale, affidandosi alla meditazione per fare in modo che la natura e gli oggetti rivelino il loro senso recondito. Corpo e mente diventano un catalizzatore, ahimè inutile, se è vero che alla fine rimane con il suo solito pugno di mosche.

.

Aang

ILLUSTRAZIONE © SPORKERANG/DEVIANT ART

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
E di te che saprò? Le tue apparenze / han detto quel che vuoi, quel che non sei.
LUCIANO ERBA, Il male minore

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...