giovedì 4 maggio 2017

I miei giorni

 

NIKIFÒROS VRETTÀKOS

IL LABIRINTO

Scorrono i miei giorni veloci uno dopo l’altro,
come uccelli che si inseguono nel tramonto
di un deserto, si confondono, cadono l’uno
sull’altro, si urtano – crollano,
diventano un corpo solo i miei giorni. Si incastrano
nelle domeniche i lunedì, si scompigliano i mesi
come nel mazzo le carte: marzo
e subito dicembre, e poi agosto,
si gelano le dita della mano
mentre vago a tastoni nel labirinto, per mettere
dopo la domenica il lunedì, o aprile
prima di maggio. Per avere la settimana
divisa di nuovo in giorni e notti.

(da Pietà, 1968 - Traduzione di Gilda Tentorio)

.

Questi splendidi versi del poeta greco Nikifòros Vrettàkos (1912-1991) sono un’indagine sul tempo, sul suo incessante e inesorabile fluire. Fare poesia, analizzare la parola per scoprire il significato delle cose, è l’unico modo per rimettere ordine nel caos dei giorni.

.

Gonsalves

ROB GONSALVES, “NEL LABIRINTO”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Scrivendo, cerco di far entrare nelle mie parole / il giorno con il suo amore.
NIKIFÒROS VRETTÀKOS, L’abisso del mondo

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...